Lionello Fiumi

Lionello Fiumi (Rovereto 1894 -Verona 1973) Lionello Fiumi nacque a Rovereto il 12 aprile 1894, ma amava definirsi veronese d'adozione poiché fin dalla giovinezza si stabilì a Verona e nella vicina Roverchiara, ospite della villa padronale Pindemonte-Fiumi ( sec.XV/XVIII) che era appartenuta al nonno e che, grazie alla sua fervida attività, divenne uno dei cenacoli letterari più prestigiosi della Bassa Veronese. Fu poeta, saggista, narratore, giornalista, instancabile fautore di scambi letterari in Italia e all'estero. Esordì nella poesia nel 1914 lanciando il manifesto del 'liberismo' e partecipò, insieme a Corrado Govoni ed altri, al gruppo dei cosiddetti 'poeti di Verona e di Ferrara'; fu collaboratore di varie riviste tra cui 'La Diana' di Napoli, promotrice dell''avanguardismo', e direttore del 'Gazzettino illustrato'. Dal 1925 al 1940 risiedette lungamente a Parigi, dove operò per la diffusione della letteratura contemporanea all'estero.Per questa sua attività fu insignito nel 1954 del'Gran Prix des Amitiès Francaises' e ottenne numerosi premi ed onorificenze dall'Accademia d'Italia. Dopo la guerra fondò e diresse 'Misura' e 'Dante', riviste internazionali di poesia. Nel 1948 si trasferì nella villa di Roverchiara dove visse con la prima moglie, la parigina Marhe Leroux (che morì nel 1956) e Beatrice Magnani, che rimasta vedova di Fiumi nel 1973 fondò a Verona il'Centro Internazionale Studi Lionello Fiumi',che raccoglie del poeta il ricchissimo patrimonio librario, l'archivio bibliografico, riviste e un immenso epistolario costituendo un importante e peculiare riferimento per lo studio della letteratura italiana di primo Novecento. Villa Pindemonte –Fiumi , grazie ad un'opera di sapiente restauro architettonico curato dal Prof. Arch. Arturo Sandrini, è stata adibita nel 1998 a nuova e prestigiosa Sede Municipale. Nell'ambito di un ampio programma di diffusione e valorizzazione della sua opera, è stato ricavato nel sottotetto della villa un interessante spazio museale dedicato al poeta, dove sono conservate fotografie, lettere autografe, libri e numerose riviste. I PREMIATI delle edizioni 2011- 2010- 2009- 2008-2007-2006 Sezione A poesia edita: Maura Del Serra, Tentativi di certezze, Marsilio, Chiara Poltronieri, Nascita e morte di un fuoco, Scripta Edizioni, 2009. Fabio Pusterla, Le terre emerse. Poesie scelte 1985-2008, Einaudi Editore, 2009. Alberto Bevilacqua, Le poesie, Mondadori, 2007 Valerio Magrelli, Disturbi del sistema binario, Einaudi Editore, 2006 Maria Luisa Spaziani, La luna è già alta, Mondadori, 2006 Sezione B- poesia inedita: Ivan Fedeli di Milano, per la silloge Tre istantanee Franco Casadei di Cesena, per la silloge Partire soltanto per vedere il mare Lino Bertolas di Monteforte d'Alpone (VR), per la silloge Le nuvole stanno Miriam Ceccon di Verona per la silloge Terra Mare Maria Zanolli di Brescia per la silloge Se, noi Ivan Fedeli di Milano per la raccolta Quattro frammenti dalla terra di mezzo Sezione C- Traduzione dal francese: Gaetano Forno, Jacques Chessex, Un ebreo come esempio, Fazi Editore, Giuseppe Girimonti Greco, Vladimir Pozner, Tolstoj è morto, Adelphi Edizioni, 2010 Laura Frausin Guarino, Francois Mauriac, Thérèse Desqueyroux , Adelphi Edizioni, 2009 Gabriella Bosco, Philippe Forest, Sarinagara, Alet Edizioni, 2008 Cinzia Bigliosi Franck, Charles Baudelaire, Il vulcano malato. Lettere 1832-1866, Fazi Editore, 2007 Fabio Pusterla, Philippe Jaccottet, E, tuttavia, Marcos y Marcos, 2006